English version

» Obesità patologica
» Reflusso gastro-esofageo
» Ernie iatali
» Ernie diaframmatiche
» Acalasia esofagea
» Diverticoli esofagei
» Selezionati tumori esofagei
» Calcolosi della colecisti
» Selezionati tumori gastrici
» Selezionati tumori colo-rettali
» Diverticolosi del colon-sigma
» Appendicite acuta e sub-acuta
» Selezionate malattie spleniche
» Selezionati tumori surrenalici
» Selezionati tumori pancreatici
» Ernie inguinali bilaterali
» Laparocele - Varicocele
» Pneumotorace recidivo
» Versamento pleurico
» Noduli polmonari periferici
» Selezionati tumori mediastinici

Note sul sito
Sei il visitatore: N° 67513
Realizzato: gennaio 2007
Aggiornato: ottobre 2012
E-mail | Stats
Note legali | Privacy/Policy


   
CHIRURGIA  MININVASIVA  dell'ADDOME  e  del  TORACE
A. O. di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione "San Giuseppe Moscati"
Contrada Amoretta - 83100 Avellino

Tel/Fax: (+39) 0825.203259 - (+39) 0825.203375

Dal 1987, anno in cui in Francia è stato fatto il primo intervento di colecistectomia laparoscopica, ad oggi, la chirurgia sta vivendo una vera e propria rivoluzione diventando sempre più tecnologica e meno invasiva.
Le attuali tecniche di chirurgia micro e mininvasiva avanzata ci consentono di eseguire interventi con l’ausilio di una telecamera digitale e di strumenti sottili e sofisticati (pinze da presa e per la sintesi tissutale, dissettori, forbici, clippatrici, suturatrici meccaniche, aspiratori, etc.) introdotti nella cavità addominale o toracica attraverso poche incisioni limitate a 0.3 – 1,5 cm.
Le immagini delle strutture su cui si opera, riprese dalla telecamera digitale con vari gradi di angolazione (0-30), si visualizzano su monitor e sono ingrandite anche fino a 20 volte.
Il tipo di intervento è spesso sovrapponibile alla chirurgia aperta tradizionale ma la tecnica e la tecnologia impiegate sono diverse e i tempi operatori, dopo un adeguato periodo di training, in alcuni casi sono più brevi.
Quando è necessario asportare un pezzo operatorio si può allungare di alcuni centimetri una delle incisioni praticate.
L’intervento chirurgico si esegue sempre in anestesia generale e si inizia insufflando nella cavità addominale anidride carbonica, a circa 12 mm Hg di pressione, che distende la parete e rende più facile la visione degli organi interni.
Nel cavo toracico, si può insufflare aria o anidride carbonica a circa 5 mm Hg di pressione, sufficiente a collassare il polmone e creare una camera adeguata per l'intervento, oppure si può escludere il polmone, dal lato in cui si opera, con un particolare tipo d'intubazione con tubo oro-tracheale a "doppio lume".


I vantaggi per il paziente, a breve termine, sono molteplici:

ridotto dolore postoperatorio
minore periodo di allettamento
minore frequenza di complicanze cardio-respiratorie
più breve ospedalizzazione
rapida guarigione delle ferite
migliore risultato estetico delle cicatrici

I risultati della chirurgia mininvasiva, a lungo termine, sono sovrapponibili a quelli della chirurgia open tradizionale.


design by Ico Arena Home | Chi Sono | Dove Lavoro | Campi d'Interesse | Approfondimenti | Contatti | Links Utili